AQUATEA – Aquatic Therapeutic Exercise Association. Breve intervista alla Dott.ssa Lucia Coppola

Conosciamo Aquatea.

Una breve intervista alla Dott.ssa Lucia Coppola, Presidente di Aquatea o Aquatic Therapeutic Exercise Association.

 

Buongiorno dott.ssa Coppola, ci può raccontare chi è Aquatea?  Come è nata, da quando e su quali valori e idee è nata l’idea di questo progetto associativo

Aquatea o Aquatic Therapeutic Exercise Association è nata nel giugno del 2017, da un’idea di alcuni fisioterapisti del Veneto appassionati di acqua e di un professore universitario con particolari competenze in riabilitazione in ambito termale.

Aquatea vuole essere in primo luogo uno spazio di condivisione di esperienze tra professionisti che guidano l’attività in acqua a scopo terapeutico (fisioterapisti e terapisti della neuro psicomotricità) o che la consigliano e la prescrivono (i medici) o, ancora, la vivono come esperienza di relazione con il proprio corpo, l’ambiente e il proprio progetto riabilitativo (le persone in trattamento).

In secondo luogo, con Aquatea si vorrebbe dar vita ad una rete fra le strutture di riabilitazione che sono dotate di vasca riabilitativa. Abbiamo seguito una tesi di Laurea in Fisioterapia e  avviato una indagine conoscitiva per mappare i Centri di riabilitazione di questo tipo, che è tutt’ora in corso. Costruire una rete servirà a scambiare buone pratiche, a generare idee e preparare il campo anche a progetti di ricerca, in collaborazione con l’Università.

Ci può evidenziare il percorso fatto nell’ anno 2018?

Nel 2018 abbiamo organizzato un incontro ECM sulla lombalgia trattata anche in acqua, discutendo la stabilizzazione chirurgica, le proposte di alcuni Centri riabilitativi di Bibione Terme, di Padova, Scorzé Ve e lo studio di casi clinici, dove l’ambiente acqua era un elemento del progetto riabilitativo. In chiusura è stata discussa la letteratura in questo settore, come pure le difficoltà metodologiche nella valutazione del dolore in questi pazienti.

L’équipe della Neuropsichiatria di Cittadella (Pd) ha presentato, invece, la sua pluriennale esperienza nel seguire bambini con disturbi dello spettro autistico a colleghi e studenti del corso di Laurea in TNPEE. C’è stata poi una formazione in acqua per gli studenti di fisioterapia e ultimo, ma non ultimo, una serie di workshop gratuiti per i soci di esperienze guidate in acqua termale.

Progetti per l’anno in corso e prospettive di sviluppo

Per il futuro, la voglia è quella di crescere in attività e contatti, con nuove energie e accogliendo tutti quelli che vorranno regalare ai colleghi tempo e nuove idee.

Quest’anno siamo partiti con un altro workshop sull’Autismo e la terapia in acqua e ora, per l’adulto, abbiamo pensato a questo convegno dedicato alla Malattia di Parkinson e agli esiti delle Protesi di Ginocchio….